Di cibo e di libri: Ho fatto un pan pepato (Roberta Corradin)

dscf59731
Ho fatto un pan pepato. Ricette di cucina emotiva di Roberta Corradin: un libello di 83 pagine, piacevole, divertente, che si legge tutto d’un fiato.
La protagonista parla di sé attraverso le ricette della sua vita, scandite in una serie di racconti che trattano di amore, famiglia, cibo e sesso. Ogni capitolo è scritto in uno stile diverso, in base all’età e ai suoi umori: infantile e spensierato in La mia mamma nella macedonia, “arrabbiato” quando prepara il pan pepato, sarcastico verso la suocera, ricco di doppi sensi nel dialogo con l’amica.
Ventidue racconti brevi, pieni di sentimento, che fanno sorridere e che si fanno apprezzare anche per le ricette che li accompagnano. Ricette scritte in maniera tutt’altro che tradizionale: gli ingredienti, riportati a inizio capitolo, non sono elencati come in un ricettario, ma preannunciano il tono e l’argomento del racconto.
Per alibi un cavolo verza. Corpo del reato, una salsiccia. Attenuanti generiche: due patate, mollica di pane, un uovo. E poi tanti bei discorsi a base di sale e pepe e semi di finocchio e olio. E burro, per abbindolare anche la teglia” (p. 46).
Ogni piatto evoca un sentimento, una storia, lancia un messaggio alla persona per cui viene preparato:
Cena in bianco, preludio alla di lui sortita dalla mia magione. Lui voleva essere invitato a cena, io non volevo dirgli di no, o perlomeno era un altro il no che volevo dirgli” (p. 38)
Da questa lettura ho tratto ispirazione per i miei panini alle erbe: nell’ultimo capitolo la ricetta originale. Se volete scoprirla, correte in libreria o in biblioteca e chiedete il libro di Roberta Corradin.
Ingredienti


250 g di farina di grano tenero 00
250 g di farina manitoba
10 g di lievito di birra fresco
250 ml di acqua tiepida
125 ml di latte
1 cucchiaino di sale
1 pizzico di zucchero
salvia
rosmarino
prezzemolo
peperoncino
timo
origano

Procedimento

Sciogliere il lievito nell’acqua con lo zucchero. In una ciotola, mettere le due farine setacciate, formare una specie di fontana e aggiungere l’acqua e il latte. Impastare e aggiungere il sale. Spostarsi sulla spianatoia e continuare ad impastare per dieci minuti. Formare una palla omogenea e liscia, coprirla con un panno e far lievitare a temperatura ambiente per una notte. Al mattino formare i panini: 1/3 con salvia e rosmarino, 1/3 con prezzemolo e peperoncino e 1/3 con timo e origano. Lasciar lievitare per un’altra ora. Cuocere in forno a 220° per 25 minuti.
Il libro
Ho fatto un panpepato. Ricette di cucina emotiva
Roberta Corradin
Ed. Zelig, 1995
83 pp.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...