Diario di una cuoca: orecchiette

orecchiette3.jpg

Diario di una cuoca

Ingredienti
per 2 persone:
100 g di semola di grano duro
200 g di farina di grano tenero 0
150 g di acqua
Procedimento
Mescolare le due farine in un recipiente. Aggiungere l’acqua poco per volta mescolando; spostarsi sulla spianatoia di legno e impastare per una decina di minuti, finché si ottiene un panetto liscio e compatto. Coprire con un panno o con pellicola alimentare e far riposare per 30 minuti. A questo punto, staccare pezzi d’impasto e arrotolarli sul piano, con l’aiuto delle mani, per ottenere dei cilindri lunghi e stretti. Tagliare in cilindretti di 1 cm e con il coltello (meglio un coltello che non tagli troppo, come un coltello da tavola) schiacchiare i cilindretti. Prendere i riccioli che si saranno formati e capovolgerli sul pollice dalla parte concava: così si otterranno le orecchiette.
Spolverare con semola di grano duro e far asciugare per due ore circa.
Alcuni suggerimenti
1. La quantità di acqua da utilizzare nell’impasto varia in base a diversi fattori, tra cui l’umidità dell’ambiente in cui si lavora: ci son giornate in cui con la stessa ricetta, lo stesso luogo e lo stesso tipo di farina, serve meno acqua, perché l’atmosfera è più umida. Per questo motivo, anche quando viene indicata una dose è bene aggiungere l’acqua poco per volta.
Altro accorgimento: non incorporare la farina tutta insieme, ma dosarla insieme all’acqua in maniera graduale, in modo da non doverne aggiungere altra, che renderebbe più duro l’impasto.
2. Quando si dà forma alla pasta, lavorare poco impasto per volta e coprire il resto con un panno o con pellicola alimentare, per mantenerlo morbido e non farlo seccare.
3. Il piano (di legno) dev’essere ben infarinato, ma ancor prima bisognerebbe eliminare tutte le briciole più dure, perché possono rovinare la pasta creando dei buchi.
4. Per una cottura perfetta, omogenea e senza intoppi:
– allargare la pasta su dei vassoi infarinati con semola di grano duro, cercando di non sovrapporla e farla asciugare per un paio d’ore prima di cuocerla: in questo modo terrà bene la cottura e non si appiccicherà
– l’acqua di cottura dev’essere abbondante
– prima di buttare la pasta, scrollarla bene dalla farina
5. qualora si volesse congelare la pasta fresca, basta allargarla su dei vassoi che andranno messi in freezer: una volta che la pasta sarà gelata e non ci sarà più il rischio che si appiccichi, può essere stoccata nei sacchetti per la conservazione degli alimenti e riposta in freezer. Quando si deciderà di utilizzarla, basterà cuocerla direttamente in acqua bollente.
orecchiette
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...